Una passeggiata nel passato a Roselle
 

Scavi archeologici di Roselle

Passeggiare al tramonto e vedere dall’alto il sole che va a dormire nel mare, contornati dai reperti romani ed etruschi, questa è Roselle, una città etrusca a cielo aperto

Se siete appassionati di arte e di storia la visita agli scavi di Roselle è tappa obbligata.

1024px-Roselle_Archaeological_Park_Central_area_2

ALCUNI DATI 

Situata a 191 metri sul livello del mare, a 11 km a Nord Est di Grosseto, a 24 km da Marina di Grosseto, a 59 Km dalle Terme di Saturnia, a 67 Km da Siena, a 145 Km da Firenze, a 188 Km da Roma. Gli appassionati di trekking, bike e cavallo possono raggiungere il sito archeologico di Roselle anche attraverso la via Clodia (l’antica strada verde che collegava Roma a Grosseto) con partenza dal piccolo centro abitato di Istia di Ombrone.

DESCRIZIONE

L’area archeologica di Roselle, inserita in un contesto naturalistico molto bello conserva i resti dell’antico abitato che qui sorgeva in età etrusca e romana. Sono aperti alla visita i seguenti nuclei: le terme tardo-romane, il decumano, una parte del circuito murario, la valle del foro, la collina dove sorge l’anfiteatro, le terme adrianee e la collina sud.

È possibile seguire due percorsi.

Il primo percorso prevede la visita a un settore delle mura etrusche, quindi la deviazione in corrispondenza della collina nord per giungere all’anfiteatro; si prosegue poi in direzione della valle del foro, si visitano le terme adrianee e si discende lungo il decumano fino all’uscita, in corrispondenza della quale ci si imbatte nell’area delle terme tardo antiche.

Il secondo percorso prevede l’accesso alla città etrusco-romana seguendo il decumano: è così possibile la visita alle terme tardo antiche, alla valle del foro e alle terme adrianee; si prosegue poi verso la collina dell’ anfiteatro e si costeggia infine la cinta muraria fino all’uscita dell’area archeologica. Ognuno dei due percorsi può essere integrato con la visita al quartiere artigianale ubicato sulla collina sud. All’interno dell’anfiteatro potete sperimentare un’acustica perfetta, e il contatto diretto con l’antica tecnica estremamente razionale e pratica degli antichi Romani, tutt’oggi perfettamente funzionante ha creato l’indescrivibile sensazione del contatto tra il mondo antico e quello moderno, infatti l’anfiteatro viene ancora usato per rappresentazioni teatrali in cui gli attori non necessitano di microfoni o diffusori.

Da Luglio 2014 la passeggiata archeologica nell’antica città di Roselle si è arricchita e si ampliata, con la riapertura al pubblico del percorso lungo la cinta muraria etrusca ( 3150 metri), eretta a difesa della città in epoca arcaica. Adesso è quindi possibile percorrere circa un chilometro lungo il sentiero che si snoda ai piedi delle mura, risalendo verso l’interno in corrispondenza di una delle cave da cui furono estratti i grossi blocchi poligonali usati per costruire la cinta, quindi raggiungere la casa etrusca con impluvium e l’anfiteatro romano sulla collina settentrionale, da dove si potrà ammirare il centro antico della città e comprenderne al meglio l’organizzazione topografica.

il 17 Settembre 2015 è stato inoltre inaugurato il percorso illuminato delle mura visibile percorrendo di notte la S.S. Siena – Grosseto.fig-3

Con 9 ore di apertura al giorno e 20.000 presenze all’anno, Roselle è una meta necessaria per chi viene a visitare la Maremma. Prima di entrare all’interno del sito archeologico il visitatore percorre la necropoli del serpaio, una strada pianeggiante e suggestiva.

E la prima domenica del mese… Ingresso gratuito!

 Per maggiori informazioni visita il nostro sito o

contattaci al 338.3990737