Familiare come un Agriturismo in Maremma - Vacanze Mare
 

La Maremma ti Emoziona. I Paesi e la Storia.

Il luogo ideale per poter ammirare panorami di dolci colline ricamate da argentei uliveti e infinite vigne, delle pinete selvagge, dei poggi su cui ammirare ricordi di borghi antichi. ma è anche la patria di paesini arroccati, dalle case in pietra e dalle minuscole piazze. La Maremma Toscana è una terra che testimonia in ogni angolo la sua lunga storia, la cultura e l´arte di millenni, attraverso paesi come Tirli, Vulci, Roselle, Vetulunia, ma anche Grosseto e le poco distanti città del Tufo.

Importanti civiltà gloriose, come gli Etruschi, i Romani, hanno lasciato su tutto il territorio della Maremma testimonianze del loro passaggio. Dove adesso sorgono poderi, agriturismi, affittacamere, hotel, alberghi e altre strutture ricettive, un tempo camminavano le antiche popolazioni che dettero origine ai paesi di Castiglione della Pescaia, Grosseto, Follonica, Porto Santo Stefano e Porto Ercole. Sempre in questo meraviglioso luogo della Toscana issarono le torri spagnole del Parco della Maremma e successivamente nobili famiglie Medioevali degli Adobrandeschi, dei Corsini, dei Medici apprezzarono le ricchezze del luogo, lasciando testimonianze di storia ed archeologia che attirano in Maremma il turismo da tutto il mondo.
La Maremma fú abitata fin dalla preistoria, come attestano i numerosi ritrovamenti paleolitici e neolitici che si possono ammirare nei Musei di Grosseto e Manciano. Nell´età del Bronzo (12°-10° secolo a.C.) nacquero numerosi insediamenti nella valle del Fiora, (Sorgenti della Nova, Molino Rossi) di cui restano tracce e reperti.
La vera storia della Maremma Toscana inizia però con gli Etruschi; una grande civiltà, un popolo che grazie ai frequenti contatti commerciali con la Grecia e l´Oriente si espande e fonda città lungo le valli dei fiumi: il Fiora, (Poggio Buco, Vulci, Sovana,Pitigliano), l´Albegna, (Saturnia, Ghiaccio Forte, Marsiliana, Magliano), l´Ombrone (Vetulonia, Roselle). Qui oggi numerosi agriturismi dotati di ogni confort e ristoranti tipici ospitano i turisti che amano l´archeologia e le bellezze naturali.

SONY DSC

castiglione della pescaia

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA E IL SUO CASTELLO
Castiglione della Pescaia è dominata dal centro storico situato sulla collina che si affaccia sul mare e che culmina con il castello di origini medievali sul punto più alto. Nel centro storico sono conservati diversi edifici di chiare origini medievali con le caratteristiche strutture murarie in pietra.
Si entra nel vecchio borgo dalla Porta Urbica, ricostruita nel 1608. Si nota subito la Chiesa della Madonna del Giglio, risalente al XVIII secolo, ricavata da un edificio militare utilizzato per ospitare guarnigioni a difesa della porta del paese.
Salendo lungo Via del Recinto si costeggiano le mura e si raggiunge la via panoramica da cui si domina il paese e si gode di una vista mozzafiato che spazia dai selvaggi Monti dell’Uccellina, al padule della Diaccia Botrona e della pianura fino a Grosseto.
Da visitare la Chiesa di S.Giovanni, con il caratteristico campanile che poggia su una torre circolare ricavata da un ambiente più antico utilizzato a scopi militari. La Chiesa ospita oggi le reliquie del patrono del paese San Guglielmo d’Aquitania.
Su in cima si trova la Rocca, o Castello che è di proprietà privata e che è costituito da tre torri con base a scarpa disposte a forma triangolare.

VETULONIA E IL SUO MUSEO
Vetulonia è un’antica città degli Etruschi che dette a Roma i simboli littori dei fasci e della scure. Vetulonia toccò il massimo del suo splendore tra il VII e il VI sec. a.C. e conserva ancora molte memorie della sua antica potenza. Dopo lo splendore del periodo etrusco Vetulonia decadde, fu nel 1181 che sorse il Castello di Colonna, nato dalla necessità di fortificazioni per la difesa della popolazione.Delle imponenti cinta murarie etrusche sono rimasti alcuni tratti, e nelle immediate vicinanze dell’attuale paese si trova la necropoli etrusca. Tra le tombe che si possono visitare, sono notevoli LA TOMBA DEL DIAVOLINO e LA TOMBA DELLA PETRERA, che si incontrano imboccando la strada che porta a Buriano. Nel paese è possibile visitare un museo archeologico, di recente apertura, con reperti di notevole valore. Splendido è il panorama che si può ammirare per il dolce declinare dei colli.

Exif_JPEG_PICTURE

5555828788_c4d03375ea_b

5244666364_333c7ef40c_b

PITIGLIANO
Vederlo dalla chiesa della Madonna delle Grazie, dedicata come ex-voto per la peste del 1527, e con il sole verso il tramonto, Pitigliano dà un’impressione scenografica indimenticabile. Come Orvieto, ma più primitivo e più intimamente fuso con la natura per la vegetazione che gli si abbarbica addosso e la roccia grigiastra dei tagli perpendicolari alla strada; un luogo d’ombre e di luci non vivide, se non contro il cielo, tagliate in angoli e riquadri, il cui senso umano è percettibile nelle linee spezzate che conformano i tetti, il castello e la torre gigliata (alla fiorentina). Vi respiri aria di civiltà e culture mutevoli nella logica imprevedibile dei tempi: quella preistorica con i più correnti ritrovamenti dell’ eneolitico rinaldoniano; quella etrusca di segno vulcente, specialmente delle fasi orientalizzate e arcaica, con qualche prodotto greco; quella romana, unificante i popoli in un comune ordine; quella medievale degli Aldobrandeschi, la più grande dinastia dell’Italia Centrale, signori della Maremma per circa mezzo millennio; la grandezza rinascimentale della nobile romana famiglia degli Orsini vanamente assaltati dalla vendetta del papa Alessandro VI e del suo figliolo il Valentino e, dopo una breve presenza senese, i Medici e i loro eredi, i Lorena. Per dire circa 3500 anni!
Il paese è dominato dal palazzo-fortezza degli Orsini con un bel cortile rinascimentale ionico in cui si evidenzia un pozzo con stemmi degli Aldobrandeschi e degli Orsini. Nell’interno del palazzo è allestito il Museo con oggetti archeologici e d’arte. Nella piazza della Repubblica è il terminale di un bell’acquedotto cinquecentesco. A Capisotto è cinquecentesca Chiesa di Santa Maria. Nella piazza intitolata a Gregorio VII è la cattedrale che conserva dipinti del senese Cozzarelli (sec. XV), di Francesco Vanni (sec. XVI), dello Zuccarelli (sec. XVIII) e dell’Aldi (sec. XIX).

CAPALBIO
Capalbio, ultimo comune a sud della Toscana, è circondato da imponenti mura quattrocentesche . Vi si entra attraverso una porta in stile senese . Nella zona è facile trovare ristoranti dove mangiare cinghiale e cacciagione. Capalbio, ultimo comune a sud della Toscana, è circondato da imponenti mura quattrocentesche . Vi si entra attraverso una porta in stile senese . Nella zona è facile trovare ristoranti dove mangiare cinghiale e cacciagione. Oltre alla splendida spiaggia di Capalbio, dalla caratteristica colorazione nerastra meta di turismo d’Elite, a meno di 20 chilometri di distanza, ci sono le spiagge selvagge della Costa d’Argento. Nel vicino promontorio dell’Argentario è possibile trovare delle scogliere meravigliose.

 

Il Giardino dei Tarocchi
Il giardino è un vero e proprio museo a cielo aperto, perfettamente inserito nel paesaggio collinare della Maremma, un parco di eccezionale fascino, unico al mondo, uno degli esempi d’arte ambientale più importanti d’Italia.

Questo parco artistico composto da ciclopiche sculture, alte dai 12 ai 15 metri, raffiguranti i 22 arcani maggiori dei tarocchi che Niki de Saint Phalle ha creato sulla collina garavicchio, nel comune di Capalbio.

Durante la visita incontriamo: “Il Mago” con la sua mano ricoperta di piccole tessere di specchi, sotto “la sacerdotessa” con una bocca con cui la scultrice ha voluto fare un omaggio al giardino di Bomarzo da cui fuoriesce una piccola cascata di acqua che scivola su dei gradini ricoperti di sfoglie di ceramica, finendo in una fontana dove al centro si muove la ruota della fortuna con i suoi getti d’acqua.

15167871916_cf2113a963_h

MASSA MARITTIMA
Massa Marittima è suggestivo borgo medievale adagiato tra le Colline Metallifere, a 380 m s.l.m., a circa 15 Km dal Golfo del Sole., circondato dalla campagna maremmana e ricco di bellezze storiche, ambientali, artistiche ed architettoniche ereditate da un florido passato.
Percorrendo gli stretti vicoli in salita del centro storico è possibile raggiungere la parte più alta della città e godere di un suggestivo panorama dalla valle al mare e di impareggiabili tramonti.
Nota per le miniere di rame e d’argento, sfruttate fino al 1300, poi riattivate dal 1830 fino agli anni 1970, conserva intatto il suo aspetto medioevale.
Il Balestro del Girifalco, gara fra i balestrieri dei rioni della Città, è anche una rievocazione storica.

GROSSETO
Città fortificata lungo la via tra Roma e Pisa, nel 1138 diventa sede vescovile prendendo così importanza nella Maremma.
Più tardi passa agli Aldobrandeschi, poi viene conquistata dai Senesi e nel 1559 passa ai Medici. Segue varie bonifiche per almeno due secoli attualmente è il Capoluogo di Provincia della Maremma, ed è in Toscana quella riconfigurabile più a meridione rispetto alle altre province…

grosseto-duomo

Tower of Town hall in Siena with part of square

SIENA
Siena è un prezioso gioiello dell’arte e della cultura Toscana. La famosa Piazza del Campo che con la sua forma a conchiglia ospita ogni anno il Palio, la celebre corsa dei cavalli, è protetta da numerosi Palazzi storici che su di lei vigilano, offrendole una straordinaria cornice di colori ocra e marroni che virano sull’arancione. Uno di questi, il Palazzo Pubblico, o Palazzo Comunale che ospita al suo interno il Museo civico, ricco di magnifici affreschi di artisti famosi. Alla sua sinistra nel 1340 fu eretta una Torre, simbolo dell’autorità comunale, conosciuta come Torre del Mangia.
Il centro storico di Siena è come un piccolo gioiello tempestato di pietre preziose, dichiarato dal 1995 Patrimonio dell’Umanità.
Il Duomo di Santa Maria Assunta, realizzato in marmi policromi, è considerato una delle più belle chiese medievali d’Italia, il Palazzo delle Papesse in stile Rinascimentale, la Pinacoteca nazionale che conserva una cospicua collezione che abbraccia tutta la pittura senese, il Museo dell’ Opera del Duomo, costituito nel 1870, conserva molti capolavori di vari artisti, tra i quali spicca la “Maestà” di Duccio da Buoninsegna; il Santuario Cateriniano ospita dipinti che ripercorrono la vita della Santa senese ed alcuni suoi oggetti personali; la Basilica di S. Domenico, iniziata nel 1226, imponente e severa costruzione in stile gotico-cistercense; la Chiesa di S. Francesco, costruita nel 1326 ampliando una chiesetta preesistente, ha l’ interno a croce egizia ad una navata, e conserva preziosi affreschi ed altre opere importanti.

La Fattoria Maremmana è il punto di partenza strategico per raggiungere in breve tempo mete predilette dai turisti di tutto il mondo. Con l’accoglienza familiare tipica dell’Agriturismo in Maremma, ma arricchita da privilegi e comfort che solo La Fattoria Maremmana può offrire.